Archivi categoria: pensieri

Ottobre

In Bolivia non conoscono l’ottobre che conosciamo noi che viviamo sopra il Tropico del Cancro, non hanno mai visto i tramonti farsi più miti, le albe nella nebbia. Chissà come è l’alba a Quebrada del Yuro ad ottobre? Immagino calda … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pensieri, quotidiano | 55 commenti

Non mi parlare d’amore

Non voglio parlarti d’amore voglio sapere del tempo. Voglio sapere la massima di Bolzano di oggi, ti prego. Voglio una discussione lunga ed articolata sull’emissione di CO2, del cambiamento di  clima, dello scioglimento dei ghiacciai che quando dici “cioè” raggruppi … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pensieri | 38 commenti

On sale

Son finiti i bambini, risucchiati negli smartphone, trasportati sulla Luna, la parte nascosta. C’è un essere strano a fargli compagnia, ha la faccia di Samantha Cristoforetti, tre poppe gonfie sulla schiena, di giorno gli racconta le favole, di notte li … Continua a leggere

Pubblicato in Delirio, musica, pensieri | 29 commenti

L’estate

L’estate è una borsa di paglia piena di niente, si gonfia dei raggi del sole e brilla rossiccia traslucida. L’estate è il riverbero accecante del mare, è l’odore della crema solare, il bastoncino del cremino, l’amore sudati, la notte ubriachi, … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pensieri | 35 commenti

Un solstizio così

Oggi alle 11.40 ora italiana questo vascello fantasma su cui viaggiamo ha oltrepassato il punto del solstizio invernale. Altro giro, altra corsa, senza senso, su un’orbita chiusa nel buio siderale attorno ad una stella nana che continua a bruciare. Inconsapevoli giriamo … Continua a leggere

Pubblicato in pensieri | 34 commenti

Intrudere

Qualche giorno fa in un post leggo una di quelle parole che mi incantano, mi ha preso come fa la punta del flauto dell’incantatore col cobra.e mi ha trascinato via, sospeso tra i pensieri ed i colori che talune parole sanno evocare.Le parole … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pensieri | 45 commenti

Commesse

Nelle prime ore del pomeriggio le commesse formano una lunga linea retta, tutte in fila sul marciapiedi con alle spalle l’ingresso del negozio come tante sentinelle. Dissimulano un’aria rilassata, fumano perlopiù  e mentre aspirano un’altra boccata si impegnano a sistemare una piega della … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pensieri, quotidiano | 26 commenti