Un prato

Un prato è un prato, una distesa verde a perdifiato o a perdita d’occhio che poi è la stessa sensazione di respiro che ti si strozza in gola, di aria che ti manco per quella corsa che ci fai dentro. Un prato è verde, e pure questa è una certezza. Però se guardi meglio c’è verde e verde, milioni di sfumature, di lucentezza, di toni e di luce diverse in quella distesa di verde. E poi c’è il vento. Il vento l’increspa come fosse un mare, che ti aspetteresti che in quel fluttuare dei fili d’erba che si inchinano, si riorientano per poi mutare direzione come in un’immensa ola, potresti ad un tratto scorgere la spuma dell’onda che si infrange. Non è silenzioso un prato e pur ti aspetteresti lo fosse. Invece sussurra nel vento, implacabile ti mormora qualcosa sottovoce, ma non è un mormorio, è come un grido sottovoce, un coro di anime che intonano una canzone di cui non riesci a cogliere le parole, riesci appena a percepirne il motivo. E’ un canto struggente, tremendo e melodioso, è un canto di sirene e rimani incantato ad ascoltarlo. Nuoti a pelo dei fili d’erba, lo percorri in lungo e largo, fin dove la duna verde incontra il celeste dell’orizzonte, lì in fondo dove appena distingui giovani rondini che come te si tuffano in quello stesso mare stridendo. E poi è tristezza, infinita tristezza che ti infonde quel respiro vitale troppo ampio e troppo lacerante, capisci il neonato che a quel primo respiro che gli pare troppo intenso non può che piangere disperato. E’ troppo verde, troppo immenso, troppo vuoto di chi non può più tuffarcisi.

Questa voce è stata pubblicata in pensieri. Contrassegna il permalink.

15 risposte a Un prato

  1. Matteo ha detto:

    Una meraviglia leggerti. Da me si dice “presa bene”.

  2. Quanto è intensa la vita in certi momenti

  3. Pendolante ha detto:

    così struggente questo prato. insolito un prato malinconico.

  4. massimolegnani ha detto:

    Ecco, tu di fronte a questo prato usi tutti i sensi e molti sentimenti.
    Piaciuto
    ml

  5. lucilontane ha detto:

    Una carezza che sfinisce, malinconica e dolce.

  6. gialloesse ha detto:

    Cavolo, ce ne vuole di intelletto per arrivare a queste profondità per una distesa d’erba ! Incantato.

  7. Lady Nadia ha detto:

    Sai, ho appena scritto un racconto incompiuto nel quale racconto una passeggiata in un prato con sensazioni molto simili alle tue. Forse arriverà tra un po’. Ciao.

  8. Lady Nadia ha detto:

    Lo stesso vale per me. Ciao!

  9. alessialia ha detto:

    la metafora del vuoto che c prende e ci paralizza davanti a qualcosa… bello e intenso come al solito Rod!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.