Arance

Le donne sono come le arance: ci devi affondare la faccia. Quando ero ragazzo mangiavo così le arance. Ne prendevo una bella grossa, quella più alta sull’albero, quella che da sotto sembrava irraggiungibile, tonda e soda si stagliava d’arancio sul fondale azzurro del cielo freddo d’inverno. Mi arrampicavo fin su, un piede nell’ultimo incavo tra due rami oscillanti, poi allungavo il braccio. Allungavo una mano, l’altra stretta ad un ramo per non venirne giù, allungavo le dita,  la raggiungevo, la strappavo a me. La tenevo nella conca di una mano, liscia, lucente e fredda, la ballonzolavo un po’ ad ammirarne la lucentezza della buccia, a soppesarne la consistenza. Poi la spaccavo in due senza sbucciarla e ci affondavo le fauci, bevendo e mangiando con un unico morso. Era più buona l’arancia così, non so perché ma il sapore era completamente diverso. La bocca impasticciata dal succo agrodolce che mi colava giù, sputavo lontano i semi con un’aria beffarda dall’alto della chioma dell’albero, pago di quel modo scostumato di cibarmi di un frutto. Ora mi dici che esiste un’etichetta anche nei rapporti, sarà. A me le arance piacciono così.

Questa voce è stata pubblicata in pensieri. Contrassegna il permalink.

27 risposte a Arance

  1. 321Clic ha detto:

    L’etichetta è d’impiccio.

  2. sherazade ha detto:

    Attenzione non è azzardato rischi rischi molto oggiddi dove si confonde passione e molestia corteggiamento e stalking.
    Mi è piaciuto essere arancia così come buttare giù dal ramo impertinente che non mi piaceva zone di gusto Ebbene sì di buone maniere di psicologia DL quando si può del quando è corrisposto l’ardore.
    Tornando all’arancia in se devi avere una bocca immensa Perché anche a me piace mangiarla nel tuo stesso modo ma facendo quattro spicchi ed il succo Davvero è una goduria in bocca.
    Sei in gran forma una bella scrittura sul filo del rasoio.
    sherabbraccicari

    • sherazade ha detto:

      Zone=questione
      DL=del

    • rodixidor ha detto:

      Ci vorrebbero altri 3 post per affrontare tutti i temi che poni. Temi importanti e da affrontare a cui rispondo solo con un accenno qui.
      ) la molestia. Hai ragione a porre la questione perché scrivo sul filo del rasoio. Noi uomini impariamo fin da piccoli che dove finisce la passione ed inizia la molestia lo decide solo e soltanto la donna e poichè il suo giudizio è insindacabile dobbiamo essere educati a capirne i messaggi per non correre il rischio di diventar molesti.
      ) Riguardo a mangiare l’arancia, va fatta a più morsi ovviamente e preferibilmente in un giardino dove possiamo prenderci il lusso di sgocciolare. 😉

  3. Giuliana ha detto:

    molti fanno cosi’, senza etichetta, purtroppo pero’ non solo con le arance

  4. Mezzatazza ha detto:

    Io vorrei mangiare così un gigantesco e ipotetico chicco d’uva

  5. Pendolante ha detto:

    Niente etichetta … Per mangiare le arance

  6. Tratto d'unione ha detto:

    Che metafora ardita…

  7. lapoetessarossa ha detto:

    οἶον τὸ γλυχὺμαλον ἐρεύθεται ἄχρῳ ἐπ’ ὔσδῳ
    ἄχρον ἐπ’ ἄχροτάτῳ λελάθοντο δὲ μαλοδρόπηες·
    οὐ μὰν ἐχλελάθοντ’, ἀλλ’ οὐχ ἐδύναντ’ ἐπὶχεσθαι

    scriveva Saffo nel VI secolo A.C. circa

    ce la traduce Quasimodo così

    Quale dolce mela che su alto
    ramo rosseggia, alta sul più
    alto; la dimenticarono i coglitori;
    no, non fu dimenticata: invano
    tentarono raggiungerla

    un’arancia, una mela, una pesca pesca perché no?…quel che si trova in cima all’albero e pare irraggiungibile ha sempre un gusto tutto suo, che sia chiama gusto della conquista 🙂

    • rodixidor ha detto:

      Che erudite citazioni hanno saputo suscitare le mie parole scostumate!
      Addirittura Saffo e Quasimodo. Arrossisco. 🙂
      Poni un bell’argomento RossaPoeta, l’altezza e l’irraggiungibilità come fascino del frutto ambito. Grazie del tuo erudito passaggio. 🙂

  8. newwhitebear ha detto:

    il guaio è che sull’etichetta c’è scritto ‘non edibile. Trattata con …’

  9. biondograno70 ha detto:

    …la chiusa ha in qualche modo dato voce al mio pensiero…
    ma si sa io mi “nutro” di succhi…..
    poi io preferisco il pompelmo rosa… così agro, così “setoso”…
    fammi ammiccare un po’… solo un po’…

  10. massimolegnani ha detto:

    ottimo modo, personale e ardito di affondare la faccia, non dico dove, ma lo accenni tu all’inizio 🙂
    ml

  11. AntonellaSessolo ha detto:

    ciao. cosi mi viene voglia di fotografare senza malizia un Arancia, quelle sull’albero.

  12. Lady Nadia ha detto:

    Hai ragione! Ciao.

  13. keewisme ha detto:

    Agrumi sauvage… Questa descrizione mi fa immaginare una pubblicità mai esistita della nuova fragranza Dior… (segue breve, elegante ed essenziale coppia di note musicali e poi il sussurro “J’adooore”).
    STOOOOOP BBBONA LA PRIMAAAHH

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.