Archivio dell'autore: rodixidor

On sale

Son finiti i bambini, risucchiati negli smartphone, trasportati sulla Luna, la parte nascosta. C’è un essere strano a fargli compagnia, ha la faccia di Samantha Cristoforetti, tre poppe gonfie sulla schiena, di giorno gli racconta le favole, di notte li … Continua a leggere

Pubblicato in Delirio, musica, pensieri | 7 commenti

L’estate

L’estate è una borsa di paglia piena di niente, si gonfia dei raggi del sole e brilla rossiccia traslucida. L’estate è il riverbero accecante del mare, è l’odore della crema solare, il bastoncino del cremino, l’amore sudati, la notte ubriachi, … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pensieri | 21 commenti

Duetto

Ha due ginocchia tonde e lisce, due cosce da Venere di Milo in gran forma: tornite, lisce ed infinite, che il resto sotto la minigonna riesco pure ad immaginarlo. Te ne stai seduta di fronte a me sul divanetto, ti … Continua a leggere

Pubblicato in racconto | 30 commenti

Nausica

La linea dell’orizzonte esiste. A scuola ti insegnano che è una linea immaginaria ma invece la vedeva distintamente al culmine della distesa d’acqua che le si srotolava davanti fino  a raggiungere il cielo. Una linea nitida e precisa a separare … Continua a leggere

Pubblicato in racconto | 25 commenti

Faccia di pietra

“La vide accoccolata come la Sirenetta di Copenaghen, le gambe piegate sotto il busto, un braccio che poggiava a terra e l’altro impegnato a reggere una bottiglietta d’acqua. Fu colpito dal bisogno pratico, la sete, quando lui aveva ancora il … Continua a leggere

Pubblicato in libri | Contrassegnato | 28 commenti

Fratelli

“Vieni qui a raccontarmi la storiella del piccolo bar all’aeroporto, tu nel silenzio dell’alba, lo so, ora mi parlerai del crepitio delle patatine nella friggitrice. Ma ti conosco, so che questa è una storiella per fottermi, per prendermi come un … Continua a leggere

Pubblicato in cinema | Contrassegnato | 37 commenti

Talvolta

Sulle rotatorie capita, talvolta. L’imbocchi, giri, e quando sei dentro non trovi quale è l’uscita  giusta. Ed è un attimo e tu potresti essere ovunque perché la rotazione ti ha privato dei riferimenti, guardi la prima uscita ma non la … Continua a leggere

Pubblicato in Delirio, musica | 30 commenti