Archivio dell'autore: rodixidor

Un prato

Un prato è un prato, una distesa verde a perdifiato o a perdita d’occhio che poi è la stessa sensazione di respiro che ti si strozza in gola, di aria che ti manco per quella corsa che ci fai dentro. … Continua a leggere

Pubblicato in pensieri | 9 commenti

Loro

Loro tentarono la fortuna alla “Ruota della Fortuna”. Noi no. Loro trovavano Emilio Fede divertente. Noi no. Loro son convinti che “Le Iene” sia una organizzazione filantropica, creata per combattere i soprusi contro i cittadini. Noi no. Loro leggono “La … Continua a leggere

Pubblicato in cinema | Contrassegnato | 25 commenti

Whatsapp

La gente è strana.  La gente modifica il proprio comportamento in funzione degli strumenti a disposizione. Trovo che sia assurdo. La gente ha deciso che dobbiamo sempre essere tutti in connessione, tutti mano nella mano, minuto per minuto come i … Continua a leggere

Pubblicato in cazzeggio | Contrassegnato | 37 commenti

Il gelo

Stanotte viene la neve, l’ha detto la televisione. Arriva il gelo siberiano, hanno detto. Non si può dormire stanotte bisogna aspettarlo, sentirlo arrivare. Se ci prende nel sonno sarebbe terribile. Che rumore fa il gelo quando arriva? Fa silenzio, non … Continua a leggere

Pubblicato in cazzeggio, Delirio, musica, pensieri | 25 commenti

Arance

Le donne sono come le arance: ci devi affondare la faccia. Quando ero ragazzo mangiavo così le arance. Ne prendevo una bella grossa, quella più alta sull’albero, quella che da sotto sembrava irraggiungibile, tonda e soda si stagliava d’arancio sul … Continua a leggere

Pubblicato in pensieri | 27 commenti

L’altra faccia della luna

Lui era seduto alla sua scrivania, la giacca sullo schienale della poltrona, camicia celeste, cravatta rossa col nodo piccolo ben fatto. Si alzò, mi porse la mano, un sorriso professionale, una stretta di mano decisa ed amichevole, mi chiese di … Continua a leggere

Pubblicato in eros, racconto | 25 commenti

Prof

Suona la fine della sesta ora ed è uno sciamare via rumoroso e nella loro corsa si inseguono, urtano banchi,  ridono, scappano. “Arrivederci Prof”. “Ciao” bofonchia lui, cupo, recupera le sue cose lentamente,  le mette in borsa, cappotto e via … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pensieri, quotidiano, racconto, ricordi | Contrassegnato | 37 commenti