Tuttapost’

“Tuttappost'”, mi rispose così, secco e asciutto. Suonò come il tonfo della lama di una ghigliottina quella risposta gergale al mio più formale: “Come va?”, con quella maniera di esprimere il contrario di quello che dici, quel modo di dire “fattiicazzituoi” e finirla là. Non vedevo Le’ da più di un anno e mentre ci stringevamo la mano con energia io scrutavo nella trasparenza dei suoi occhi e non ci vedevo niente, era come tuffarsi in un mare gelido e cristallino, di niente di buono e niente di niente. Dovevo avere una espressione abbastanza banale e retorica, probabilmente lo infastidivo, il mio silenzio era pieno delle parole formali che si usano per dare una pacca sulla spalla, per offrire disponibilità non richiesta, per chiederne. E lui mi sfuggiva, frettoloso mi sorrideva, infilava la testa bionda nel casco e mi diceva che doveva andare. Liberò la vecchia moto, sempre quella, dalla catena che la legava al paletto, saltò sul pedale dell’accensione, inforcò la guida e diede un colpo di gas mentre mi salutava dandomi il cinque con la sinistra. “Ci vediamo”. E rimasi sul marciapiede come un coglione, muto a vederlo andare via oltre le colonne di Ercole. Fu l’ultima volta che lo vidi, ma forse era già oltre l’ultima volta perché lui non c’era più o non c’ero io, o è il tempo che finisce così.

 

Questa voce è stata pubblicata in ricordi. Contrassegna il permalink.

23 risposte a Tuttapost’

  1. Mezzatazza ha detto:

    Bello ma anche no…

  2. a volte è così che ci si perde, e anche se ci si incontra per caso, niente, era meglio non essersi incontrati

  3. Pendolante ha detto:

    certi incontri ci lasciano solo solitudine

  4. newwhitebear ha detto:

    capita ed è inutile farci una malattia. Ci si rimane male ma la vita continua anche senza di lui

  5. AntonellaSessolo ha detto:

    E mi ricordi quel coglione che mi ha licenziato per colpa della telefonata . Fa male . Sto Aspettando che tutto gli torni indietro.

  6. Con persone così saprei come comportarmi se mi ricapitasse per caso tra i piedi: tiro dritto…non l ho visto..non voglio vederlo!

  7. massimolegnani ha detto:

    un’istantanea precisa e raggelante.
    Hai evidenziato due o tre atteggiamenti di questo amico che mostrano bene la sua totale chiusura.
    ml

  8. Lady Nadia ha detto:

    Il tempo non finisce, non finché puoi scrivere. Finiscono le amicizie, quelle è molto più probabile, sì. Ciao.

  9. Tratto d'unione ha detto:

    Brrr… che freddo. Che quando succede così ci si sente anche in colpa (che gli avrò fatto per meritarmi tanto gelo?)… ❤

  10. alessandra zottoli ha detto:

    La sensazione di fallimento è inevitabile ma, in realtà, il distacco appartiene più a chi va via. Per quanto non si è espresso, non si è voluto esprimere o non si è potuto. Per la voglia di spazio, di una pausa, di un oblio.

  11. stileminimo ha detto:

    Se non lo incontravi non scrivevi. Tutto ha un senso. Secondo me va bene così …

  12. alessialia ha detto:

    oh… cuore nero per il tuo non amico…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.