Fratelli

Vieni qui a raccontarmi la storiella del piccolo bar all’aeroporto, tu nel silenzio dell’alba, lo so, ora mi parlerai del crepitio delle patatine nella friggitrice. Ma ti conosco, so che questa è una storiella per fottermi, per prendermi come un animale, per cacciarmi in trappola. Louis, non mi freghi, so che giri in tondo per arrivare a dirmi quello per cui sei venuto qui. Non mi importa niente se sei stato all’aeroporto, dell’alba, delle patatine, del tempo che passa e modifica tutto. Non mi interessa nemmeno scoprire se è vera o è falsa questa storia del cazzo. Non devi parlare e non devi aggiungere niente…  La gente pensa che uno che non parla è uno che vuole ascoltare. Non è vero, a me non me ne frega un cazzo della gente perciò non parlo.”

Questo uno stralcio di dialogo, o per meglio dire è il monologo rabbioso, isterico, che Antonie, (interpretato da  Vincent Cassel), urla al fratello minore Louis (interpretato da Gaspard Uliel) tornato a casa dopo dodici anni di assenza. E’ una storia di fratelli, una storia di famiglia, una storia che sembra voler insegnarci che il tempo non ripara niente, non può che andare avanti e i legami spezzati, le giornate non passate insieme non potranno essere recuperate in nome di un legame di sangue che è solo ricordo per coloro i quali si trovano estranei perché è troppo il tempo non vissuto a separarli.  “E’ solo la fine del mondo” è il titolo di questo stupendo film di Xavier Dolan, un dramma in un solo atto di impostazione molto teatrale raccontato tutto con primissimi piani su cui ci si sofferma a lungo oltre i dialoghi a raccontarne i silenzi,  con sfocature soggettive, una famiglia che urla in continuazione perché gli egoismi di ognuno urlano per zittire l’altro, non per parlare, come è in tante famiglie. Louis, il secondo dei figli, torna a casa dopo dodici anni di assenza, è diventato un importante drammaturgo ed ora torna per rincontrare i suoi ma sopratutto per comunicare loro una terribile notizia. E’ accolto dalla madre eccitatissima per il ritorno del figliol prodigo (una bella interpretazione di Nathalie Baye), dalla giovane sorella Suzanne (Leya Seydoux), poco più che adolescente che vorrebbe conoscere quel fratello importante  con cui non è cresciuta, a cui rimane aggrappata fin dall’interminabile abbraccio iniziale. Poi c’è Antonie, il fratello maggiore,  frustrato e rancoroso verso tutti e tutto e sempre sul ciglio di un’esplosione violenta, poi c’è sua moglie Cristine (impeccabile come sempre Marion Cotillard), donna fragile ed imbarazzata, che mostra di percepire più di quanto vuole essere tenuta a risolvere. Tutto si svolge in una unica giornata, poco più del tempo di un pranzo domenicale e quello che dovrebbe essere un rito di riconciliazione si celebra in un clima di continua rissa verbale, nella tensione emotiva di lacerazioni profonde che possono tramutarsi in emorragie incontenibili. Si intravvede in filigrana l’amore che comunque lega i membri di questa famiglia, il loro tenersi stretti è solo nel ricordo delle “nostre domeniche” così come piace definirle alla madre che le celebra in un eterno rituale, quelle giornate di gioia che per ogni famiglia sono appunto quelle domeniche addolcite dal ricordo di quando i figli erano piccoli, i genitori giovani. Ma tutto è sovrastato da un’atmosfera isterica ed assordante nella quale si sviluppano i dialoghi inevitabilmente monchi tra i vari membri della famiglia ed il figlio che sarebbe ritornato per parlare ma è inevitabilmente condannato ad ascoltare. A tratti ritornano ricordi, carrellate di variopinti  flash-back al suono fragoroso di musica pop. Tutto è sopra le linee ma ci coinvolge emotivamente perché ci ritroviamo sprazzi di vita personali, la nostra famiglia che non è dissimile dalla famiglia di tutti. E’ una battaglia all’ultimo sangue, il vincitore è il Tempo che inesorabile sancisce l’irreversibilità dei processi di disgregamento fra le relazioni umane. Il regista vuole sancirla con una scena surreale, che avrebbe anche potuto strapparci un sorriso finale ma che invece, coinvolti come siamo nei fatti narrati, ci provoca un groppo in gola e così piangiamo  la morte dell’uccellino del cucù che aveva fino a quel momento scandito le ore di quella famiglia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cinema e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

37 risposte a Fratelli

  1. Mezzatazza ha detto:

    Può essere che non lo veda mai, ma la bazza della gente silenziosa è una trappola mortale.

  2. massimolegnani ha detto:

    che stranezza: leggendo il monologo iniziale ho pensato ai fratelli Muccino, credevo davvero avresti fantasticato su un loro ipotetico incontro/scontro. 🙂
    ml

  3. Mari ha detto:

    Ecco, grazie per questa recensione. Perché a me quel film mi ha lasciato un senso di claustrofobia dall’inizio alla fine del film, e va bene che uno dice “ma almeno ti ha generato qualcosa!”, ma evidentemente non era ciò che avevo voglia di sperimentare in quel momento (ma poi: c’è mai davvero un momento in cui si ha voglia di sperimentare la claustrofobia?). Sui film controversi mi piace leggere cosa ci hanno visto gli altri, non metto in dubbio la bravura nel riproporre dinamiche che tutti più o meno abbiamo vissuto e forse è proprio quello il fastidio, ma di fatto sono uscita dal cinema delusa. Forse troppo alte le aspettative dopo il fragoroso Mommy, che mi ha conquistata totalmente.
    Ciao!

    • rodixidor ha detto:

      Grazie di cuore del tuo commento, è bello confrontarsi con pareri diversi. E’ vero che l’uso estremo dei primi piani e tutta l’ambientazione in una piccola casa dove tutti urlano può dare un senso di claustrofobia. Penso però che era anche un effetto voluto, il ritratto di una famiglia dall’interno deve innescare la voglia di scappare fuori. Questo senso di oppressione veniva spezzato solo dalle scene dei ricordi con musica ad alti volumi e scene colorate. Io non conoscevo questo regista ed il film mi ha risucchiato, forse per questo ho accettato la claustrofobia che produceva, forse a differenza tua, non avevo aspettative particolari. Andrò sicuramente a cercare il film che hai citato. Grazie ancora di esser passata di qui.

  4. Alessandra Bianchi ha detto:

    Credevo che il folgorante incipit fosse tuo 🙂 Bene hai fatto a riproporlo. Devo dire che la tua (bella, ca va sans dire) recensione mi ha intrigata molto.
    Da vedere!

    • rodixidor ha detto:

      Alcuni film ti prendono particolarmente, al punto tale che un dialogo ti resta in memoria perché potresti averle dette tu stesso quelle stesse parole. I film che ci intrigano son quelli in cui pare di riconoscersi almeno in qualcosa. Mi piacerebbe tu lo vedessi biondina, ne sapresti cogliere ancora altri aspetti. 🙂

  5. sherazade ha detto:

    Sei stato più emozionante tu nella tua interpretazione che il film stesso visto è apprezzato qualche giorno fa.
    Solo su una cosa sono in disaccordo ma perché ci sto rimuginando da tempo e cioè che se la vita ci ha insegnato qualcosa il tempo non sancisce le lontananze in modo irrevocabile ma al contrario pur senza condivisione porta ad aprirsi a nuove esperienze o anche semplicemente a un silenzio meno rancoroso alla condivisione di un nuovo cammino.

    SheraBuonfinesettimanamicocaro

  6. alessialia ha detto:

    Bella la tua recensione…. senti alla fine di tutto ci sono rimasta male per l’uccellino… na pecche lo ha fatto.morire???
    Mo.son curiosa circa.la tragica notizia che doveva dare il figliol prodico…
    Sembra ti sia piaciuto… leggendo I commenti pero boh…….
    Eh I legami e le dinamiche familiari spesso sono controverse….

  7. Lady Nadia ha detto:

    Pare originale ma non è lento? Da vedere?

  8. Un film che purtroppo non sono riuscito a vedere sul grande schermo, e mi spiace perché avevo anche io intuito che doveva essere da vedere assolutamente. Attendo il dvd o sky per vederlo e per assaporarne ogni momento come è accaduto leggendo il tuo post.

  9. TADS ha detto:

    eccellente recensione

  10. alessialia ha detto:

    venivo a vedere se avevi scritto… no! lascio salutino!

  11. Runa ha detto:

    Analoga situazione familiare è la mia , e ti confermo che niente ripara il tempo se le cattiverie che sono state dette erano per nuocere , fratello o sorella che sia , nuoceranno sempre !

  12. Lady Nadia ha detto:

    Ehi!!! Ciao. Non scrivi più?🤣

  13. Lady Nadia ha detto:

    Ronf ronf ronf.

  14. Julian Vlad ha detto:

    Notevole e vigoroso, quasi incalzante, questo tuo post. E mi sovviene che il film in questione dovrei averlo scaricato sul mio MySky qualche tempo fa. Potrei sbagliarmi, ma mi hai fatto proprio venire la curiosità di scoprirlo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...