Ubriaco di te

E’ bello che tu abbia delle tette così piene stasera e che quei chiodi rosa che chiami capezzoli stasera puntano dritto verso di me. Sublime che dovunque protenda le mie mani al buio stasera trovo i tuoi fianchi nudi a sorreggermi, dovunque cada io precipiti nell’abisso della tua figa, eterna magia ad accogliermi, crepaccio in cui morire. C’è della poesia in tutto questo, lo so, adesso non trovo le parole giuste a dirlo perché non sono abbastanza ubriaco ma domani al risveglio me ne troverò ancora un po’ appiccicata sulla pelle.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in eros, musica, poesia. Contrassegna il permalink.

19 risposte a Ubriaco di te

  1. menteminima ha detto:

    Mmmmmm non sono convinta

  2. sherazade ha detto:


    Sheranomorethanasong

  3. newwhitebear ha detto:

    sarà vero quello che dici ma forse hai esagerato un po’ 😀

  4. Lady Nadia ha detto:

    Urca! Allora è questo che intendevi con l’essere diretti… da una voce maschile direi che funziona, da una femminile meno. Pezzo (come dire.. ) INTENSO???😊

  5. massimolegnani ha detto:

    Il crepaccio in cui morire e’ un’immagine perfetta, mi piace molto.
    ml

  6. alessialia ha detto:

    Sai che pero è bello…
    Mica che non esistono queste cose…
    E trovarne ancora domani passato il vino è… bello!

  7. Lady Nadia ha detto:

    Dai… un raccontino?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...