Mattutino e quant’altro

– Quant’altro?
– Cosa altro?
– Tu hai detto quant’altro, puoi specificare ?
A questo punto ti sei irrigidita, mi guardi fisso negli occhi, un sopracciglio leggermente arcuato. Quando ti infuri le tue labbra diventano sottili, si increspano ai lati di una piegolina impercettibile, impallidisci. Per un attimo lunghissimo sei una statua, seduta al tavolino di fronte a me, noto ora che i fiori del tuo vestito smanicato hanno la stessa tonalità di rosso del liquido nel bicchiere che reggi nella sinistra a mezz’aria, ora i cubetti di ghiaccio sembrano ridere e frenetici ribollire al sole. Sei bellissima, non so se lo sai che quando porti i capelli raccolti con quel pettinino in testa sei incantevole. Il ricciolo nero che pende sulla fronte però minaccia tempesta. E infatti:
– Vuoi litigare ?
– Non voglio litigare, penso che quando uno usa una parola deve saperla riempire di contenuto.
– Vuoi dire che io parlo a vuoto?
– Non ho detto questo
Mi conosco, son partito. Non ho voglia di litigare, si sta bene all’ombra del gazebo del bar, c’è anche un leggero venticello, di fronte a me c’è la mia stupenda ragazza, ciarliera e luminosa, finalmente in ferie. Ma è partito il duello. Dicono che gli squali quando sentono l’odore del sangue devono assolutamente mordere, è più forte di loro, ed io percepisco le prime gocce. Avrei ancora il tempo di rientrare …
– Probabilmente non mi ascolti nemmeno. Stai là perso nei tuoi pensieri, io a spiegarti una cosa che mi sta a cuore e tu mi vieni a chiedere “quant’altro” …
– Ti ascoltavo attentamente, hai detto:  “bozze, planning-plain e quant’altro … ”
– E allora ?
– Quando usate questa specie di congiunzione “quant’altro” dovete ricordarvi che significa innumerevoli altre cose quindi mi aspetto che se uno chiede si debba saperne elencare qualcuna …
– Quando usiamo … Noi … Noi chi ? Con chi mi stai confondendo ?
Hai poggiato il bicchiere sul tavolino ed ora sei davvero furiosa, se ne son resi conto anche i cubetti di ghiaccio che ora rabbrividiscono impietriti sull’orlo del liquido rosso e galleggiano silenziosi ( ma è normale pensare questa cosa nel pieno del litigio ?)
– Voi che usate questa locuzione “quant’altro”. Mi viene sempre voglia di fermare tutti quelli che lo fanno: giornalisti, professori, politici … Quant’altro che ? Dillo ! Fammi un esempio, se no significa che quant’altro significa nient’altro …
Ho detto un po’ troppo  alterato le ultime cose e ora guardi di lato con sdegno e sufficienza e acidamente:
– Ha parlato il professore della crusca
– Non sarò professore ma quando parlo so che sto dicendo
Era arancio, o almeno c’era di sicuro anche dell’aranciata nella tua bevanda che ora si spande in una vermiglia macchia sulla mia camicia bianca, devono essermi entrati anche dei cubetti di ghiaccio dentro. Cerco di non ridere mentre guardo l’ondeggiare dei tuoi fianchi che si allontanano.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in quotidiano. Contrassegna il permalink.

17 risposte a Mattutino e quant’altro

  1. germogliare ha detto:

    giornata movimentata! e poi si dice che non succede mai nulla…
    ps
    ma poi avete fatto pace? 😉

  2. so che non c’entra molto, ma quando penso a “quant’altro” non riesco a evitare che mi balzi subito alla mente il “piuttosto che” (sarà che spesso vengono inclusi entrmabi nella categoria “usi impropri dell’italiano… tipo: https://www.youtube.com/watch?v=nEFXbC44AFc). e, conseguentemente, mi viene alla mente questa: https://www.youtube.com/watch?v=0wwTNFshDvA 😉

  3. poetella ha detto:

    oserei quasi dire…
    timidamente
    con tono bassissimo di voce
    cercando di non dare nell’occhio…

    bel post!
    ASSOLUTAMENTE SI’

    (HO SEMINATO SCOMPIGLIO?)

    no, perché, potrei anche aggiungere un “come dire” o anche un “ma anche”…
    oppure un …

    no. basta così.
    Abbiamo fatto quasi il pieno.
    Quasi.
    oggi.
    Ecco.
    😉

  4. tantopercantare ha detto:

    Avresti dovuto litigare e sarebbe finita lì.

  5. stileminimo ha detto:

    E’ piacevole leggerti, sempre. Avrei da dire qualcosa, ma non mi vien da dire altro.

  6. Mads ha detto:

    Ho immaginato la scena finale e sto sorridendo io al posto tuo.
    🙂

  7. stefaniazan8 ha detto:

    E te la sei voluta però …
    😉
    Bel post

  8. Cybermax ha detto:

    Cosi si cercano le cose ma in fondo siamo umani no?
    Bellissimo post!
    Mi piacerebbe seguirti…

  9. Briciolanellatte ha detto:

    Però la vista di un bel paio di fianchi possono fungere da consolazione ancorché in rapido allontanamento. 😉

  10. gra ha detto:

    certo che se una ti sta parlando di una cosa a cui tiene molto e tu ti fissi su “quant’altro”…
    🙂

  11. gialloesse ha detto:

    ( ma è normale pensare questa cosa nel pieno del litigio ?)
    Ebbene SI dico io, assolutamente ! Ecco cosa distingue quelli veramente in gamba dalla massa anonima.

  12. dorothy ha detto:

    un… ..incontro- scontro…d’amore !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...